Home » News » 26° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

26° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

26° Festival del Cinema Africano,
d’Asia e America Latina
4 -10 2016, Milano

 

Giunto al suo 26° anno, il FCAAAL è interamente rivolto alle cinematografie e alle culture dei tre continenti. Dal 1991 il Festival porta a Milano nuovi linguaggi espressivi, cinematografici e non, provenienti da Africa, Asia e America Latina.
Tra le numerose e variegate sezioni del festival, segnaliamo nel Concorso Lungometraggi “Finestre sul Mondo” i due film Rosa Chumbe di Jonatan Relayze Chiang e Mina Walking di Yosef Baraki.

 

Rosa Chumbe
Jonatan Relayze Chiang, Peru, 74’ – 2015
Prima Europea/European première

mer 6 / 21.30 / Auditorium San Fedele
gio 7 / 15.00 / Auditorium San Fedele

ROSA-CHUMBE-Main-Still


Sinossi

Faccia da dura e giubbino di pelle, Rosa è un’agente di polizia con il vizio del gioco e dell’alcool. Vive con la figlia Sheila e il nipotino. Un giorno, dopo un litigio, Sheila le ruba risparmi e scappa lasciandosi il bambino alle spalle. Rosa è costretta ad occuparsi per la prima volta del piccolo. Qualcosa cambia dentro il suo cuore di pietra. Ma una notte, l’impensabile accade…

Jonatan Relayze Chiang
Nasce a Lima nel 1981. È peruviano con origini cinesi. Realizza una dozzina di cortometraggi in 16mm e video, mostrati in diversi paesi.
È selezionato al Berlinale Talent Campus nel 2008. Nel 2012 ottiene il Fondo del Ministero della Cultura del Perù per produrre il suo primo lungometraggio, Rosa Chumbe.
Lavora in produzione in molti film peruviani e come redattore freelance per alcune tv internazionali, Discovery Channel, Al Jazeera e Channel 4.

Mina Walking
Yosef Baraki, Afghanistan/Canada, 110’ – 2015
Prima nazionale/Italian première

ven 8 / 21.30 / Auditorium San Fedele
sab 9 / 19.00 / Spazio Oberdan

Mina-walking_1

 

Sinossi
Piena di energia, tenace e ribelle, Mina, a soli dodici anni, riesce a cavarsela da sola in una società dove gli uomini comandano. Suo padre è un drogato, un uomo perduto, il nonno vecchio e indifeso, la madre è stata uccisa dai talebani.
Ora deve cavarsela da sola. Girato nelle strade turbolente di Kabul in uno stile documentaristico, il film ritrae la severità della vita in questo paese devastato dalla guerra.

Yosef Baraki
scrittore e regista canadese, nasce a Kabul nel 1989. Durante gli studi in Produzione Cinematografica e Filosofia alla York University e all’Humber College, a Toronto, realizza diversi cortometraggi. Il suo cortometraggio,

Der Kandidat, vince il Premio Norman McLaren al Montreal World Film Festival nel 2013 e il Premio Miglior Corto Internazionale all’ Afghanistan Human Rights Film Festival (AHRF). Il suo primo lungometraggio, Mina Walking, è selezionato in anteprima mondiale al 65° Festival di Berlino e vince molti premi in festival di tutto il mondo.

 

Condividi!