Home » News » CONCORSO: NUOVI SGUARDI, sull’Europa e sul Mondo

CONCORSO: NUOVI SGUARDI, sull’Europa e sul Mondo

foto1

Ancora una volta con il concorso “Nuovi sguardi” puntiamo lo sguardo sulle cineaste emergenti, alla loro opera di debutto, sei esordienti su otto registe, Tre film in prima italiana e uno in prima europea

Otto lungometraggi, tre in prima italiana e uno in prima europea, da altrettanti Paesi, toccando quattro continenti, significano sguardi, generi e argomenti molto diverse. Le uniche due registe “esperte”, sono vecchie conoscenze di Sguardi Altrove, dove i loro lavori sono stati presentati in competizione in passato.
La tedesGRÜSSE AUS FUKUSHIMAca Doris Dorrie, stavolta si è cimentata con una storia ambientata in Giappone. Fukushima mon amour fin dal titolo omaggia il capolavoro di Alain Resnais e l’incubo atomico, è un’elaborazione di lutti e una storia di amicizia con tanti echi del cinema di Ozu. L’altra nota è l’iraniana Niki Karimi, più nota come attrice per essere stata diretta tra gli altri da Abbas Kiarostami ma ormai al quarto film da regista. Night Shift – Shift-e Shab è un cupo thriller familiare, con una moglie che cerca di scoprire i segreti del marito che non ha rivelato di aver perso il lavoro.

Tra gli esordi, si è fatto apprezzare nei festival l’argentino El futuro perfecto di Nele Wohlatz, premiato per l’opera prima al Festival di Locarno 2016.

Storia di donne chiuse, o protette, dentro un hammam ad Algeri è At My Age, I Still Hide to Smoke di Rayhana, un film corale intorno a una carismatica proprietaria interpretata da Hiam Abbass. Il fanatismo religioso contrapposto alla storia, mentre le esigenze individuali emergono.

Una guerra recente e presto dimenticata è lo sfondo anche di The House of Others – Skhvisi sakhli  della georgiana Rusudan Glurjidze. Anche qui un’ambientazione ristretta, un villaggio semidisabitato tra le montagne, tra paure, odi e fantasmi, ma i giovani vogliono andare avanti.

Una dodicenne determinata alla ricerca del padre è la protagonista del finlandese Little Wing di Selma Vilhunen, premiato con la Camera d’oro della miglior opera prima o seconda alla Festa di Roma. Quasi un on the road di chi deve crescere in fretta per fare a meno di adulti inadeguati.

Pa’am Hayta Yalda – Once there was a girl dell’israeliana Natalie Kaplan è un’esplorazione della solitudine della trentenne Noa, insonne e ipocondriaca, dimessa ma alla ricerca continua di attenzioni. Una pellicola permfoto8eata da un turbamento continuo.

Quest’anno la selezione non comprende nessun titolo italiano, ma è girato a Roma L’indomptée della francese Caroline Deruas, nota come sceneggiatrice (anche di Philippe Garrell), ma per la prima volta dietro la macchina da presa.

Condividi!