LA QUALITA’ DEI SENTIMENTI. I CINEASTI DEL PRESENTE (RI)LEGGONO LE RELAZIONI